Posted on Lascia un commento

Grazie alle telecamere presi i ladri e recuperata la refurtiva !

 

Pochi giorni fa a Milano, quartiere Precotto, sono avvenuti dei furti in appartamenti e, grazie alle telecamere domestiche installate all’interno di uno di questi appartamenti violati, i responsabili sono stati individuati e arrestati e la refurtiva rinvenuta presso il loro domicilio è stata recuperata e restituita ai legittimi proprietari.
Questi i fatti in sintesi, ma cerchiamo di capire meglio cosa è successo e come si è potuti arrivare a questo notevole risultato.

Qualche settimana fa in alcuni appartamenti del quartiere milanese di Precotto, si sono verificati alcuni furti durante le ore di assenza degli inquilini; nel corso dei furti sono stati trafugati valori quali gioielli, PC, soldi in contanti.

Gli abitanti di uno degli appartamenti, con lodevole lungimiranza, si erano però dotati di un sistema di allarme integrato con telecamere interne di sorveglianza; pertanto, grazie alle telecamere, hanno potuto facilmente scaricare le immagini registrate durante l’irruzione dei ladri ed hanno potuto ottenere dei file video chiari e ben definiti dei malviventi che si muovevano all’interno del loro appartamento.
Ovviamente hanno fatto denuncia all’autorità costituita, elencando e descrivendo dettagliatamente i beni trafugati ed hanno messo a disposizione della Polizia le immagini scaricate dall’NVR (Network Video Recorder) del loro sistema di videosorveglianza.

Oltre a ciò hanno anche diffuso presso i conoscenti del quartiere, tramite un gruppo WhatsApp, le stesse immagini, nella speranza di allertare eventuali altri abitanti della zona circa la presenza di persone sospette in prossimità di altre proprietà violabili.
Grazie anche alla diffusione di queste immagini sul gruppo WhatsApp, a seguito della segnalazione di un appartenente al gruppo, le Forze dell’Ordine hanno potuto individuare gli autori del furto e sono intervenute presso il loro domicilio; qui hanno trovato numerosi valori e soldi in contanti, fra cui quelli trafugati presso l’appartamento videosorvegliato; pertanto, essendo stata fatta dettagliata denuncia del furto e di ciò che era stato trafugato, è stato possibile identificare e restituire i beni ritrovati ai legittimi proprietari.

Grazie alle telecamere di un semplice sistema di videosorveglianza, collegato con l’allarme, ed alla successiva diffusione delle immagini registrate del furto, è stato possibile identificare i responsabili e, cosa ancora più importante (e rara…), recuperare una gran parte della refurtiva: una lezione di autodifesa, legale, che può essere presa ad ispirazione da altri cittadini che vogliano proteggere i propri beni e le proprie abitazioni, investendo una cifra modesta in un sistema di sicurezza low-cost e affidabile.

Articolo Corriere della Sera

Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *